Lauryn Web Design - Milano, Edimburgo e online

Come si fa a scoprire qual è la propria nicchia di clienti?

La nicchia e i suoi drammi

 

La definizione della nicchia è spesso un momento di dramma per chi sta progettando la propria attività. Innanzitutto voglio che tu sappia che sei già “avanti” se hai coscienza del fatto che va determinata per impostare strategie di marketing efficaci.

 

Detto ciò, scommetto che ti sei arrovellata fino allo sfinimento per capire a chi devi rivolgerti per definire il tuo avatar del cliente ideale e quindi sapere come rivolgerti a lui nella comunicazione della tua attività.

 

Non temere, ci siamo passate tutte.

Se proprio non ti è ben chiara o non riesci a definirne i confini, prendi un respiro e fai alcune valutazioni.

Delimitiamo i confini della nicchia

 

Di seguito ti segnalo alcune riflessioni che puoi fare per capire cosa succede quando vendi un tuo servizio o un prodotto, e vedrai che i risultati verranno da sé.

 

  1. prendi 3 o 4 tuoi clienti del passato, quelli con i quali ti è piaciuto di più lavorare
  2. prendine altrettanti di quelli normali ma che ti hanno stupito per la modalità in cui ti sono arrivati
  3. ora crea proprio una scheda del cliente con alcune domande chiave, che ti aiuto a stendere per capire in che direzione deve andare la tua comunicazione per il futuro

 

👉 Se ti va usa questo Excel che ho creato, è gratuito: https://www.lauryn.it/wp-content/uploads/2023/06/Freebie-analisi-cliente-per-trovare-la-nicchia.xlsx

Se di alcune domande ti mancano le risposte prepara un microsondaggio che puoi inoltrare ai tuoi clienti passati per capire:

 

  1. il tuo cliente di cosa si occupa?
  2. il tuo cliente da che social o community ti è arrivato
  3. da che pagina del sito ti è arrivata e sulla base di che ricerca o parola chiave?
  4. che bisogno hai soddisfatto per ciascun cliente?
  5. cosa ti sembra abbiano in comune questi clienti guardandoli da fuori? (sesso? provenienza? età?)

 

Ecco, ora guarda le colonne in cui sono stati compilati dati simili ed avrai una rappresentazione del tuo cliente ideale “passato”. 

 

Ora sta tutto a capire: 

  1. in che modo posso continuare a sfruttare il social o la pagina del sito dalla quale sono arrivati?
  2. ci sono altri social che frequentano spesso e dal quali potrebbero arrivare clienti simili? (chiedigli quali altri social frequenta)
  3. c’è qualcosa che posso migliorare sul mio sito web affinché mi trovino anche su Google con queste caratteristiche? (scrivi articoli o landing page)
  4. c’è qualche community social che posso gestire o ideare in modo da accomunare quanti più clienti di questo tipo?

 

Forse quest’ultimo punto ti confonde vero?

Le community come fonte di nuovi follower (e poi anche clienti)

Pensavi che per essere trovata dai tuoi clienti ideali fosse sufficiente mostrare la tua bravura, cosa sai fare e che soluzioni puoi donare ai tuoi clienti?

 

Hai ragione, è esattamente quello che devi fare, ma sappi che se hai trovato una nicchia ben definita, potresti pensare addirittura di aprire una community, una pagina social o simili che riuniscano più potenziali clienti, in virtù del fatto che hai individuato alcune loro caratteristiche.

 

Questo però comporta che tu abbia tempo e risorse da dedicarci, condividendo una passione che evidentemente hai in comune con i tuoi potenziali clienti. E proprio grazie a questa passione comune per te potrebbe essere più “leggero” doverti dedicare a produrre contenuti utili a loro, anche se non portano direttamente alla tua attività, perché comunque gestendo la pagina come amministratore hai poi la possibilità di avere sempre visibilità con tutte le persone che girano intorno alla community.

 

Il mio case history: un esempio pratico

Un esempio che ti posso raccontare è Italianwebdesign.it un sito che ho ideato e creato io nel 2007 (ma ora non è più mio, non perdere tempo a cercarlo).

Il sito era nato unicamente dalla mia passione per il web design e la grafica, che poi erano anche la mia prima passione. Quindi oltre ad avere il mio sito professionale Lauryn.it ho creato questo blog in cui condividevo chicche del settore, soluzioni su codice e grafica, e tanto altro. 

Ai tempi non avevo fatto alcuno studio di marketing per cui la cosa è stata molto spontanea ed intuitiva ed altrettanto spontaneamente sono arrivati invece anche i primi clienti e le collaborazioni con webagency nonché la visibilità.

Ai tempi non esistevano i social network per cui il cuore era il sito stesso e c’erano altri modi per richiamare le persone quando c’erano aggiornamenti e articoli nuovi.

Immagina cosa puoi fare ora invece grazie alle moderne piattaforme di social network!

 

Community community community

Devi solo individuare bene la tua nicchia, cercare sul tuo social preferito (o quello che in effetti ti ha portato più clienti finora) e hai due opzioni:

  1. creare una tua community
  2. partecipare ad una community già attiva

Oppure tornare al punto iniziale, e creare una community legata al tuo brand e alla tua professione principale, aiutando e fornendo soluzioni sul tuo blog e sui tuoi social.

 

Se vuoi partecipare alla mia nuova community ti invito qui: https://www.facebook.com/groups/donnefreelance

dove potrai condividere sogni e dubbi con altre donne come te che hanno una professione e cercano di fare la strada da sole ma stringendosi la mano e aiutandosi l’un l’altra.

Alla prossima!

Lauryn

xxx

Se ti è piaciuto condividilo

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *