Quanto è importante amare il lavoro che si fa?

Questo post potrà risultare un po’ autocelebrativo per molti, in realtà è un ringraziamento pubblico ufficiale alla mia principale cliente e datrice di lavoro che ha sempre parole di incoraggiamento e di stima nei miei confronti, spesso pubblicamente, e quindi ora tocca a me, mia cara! Ho questo post in canna da mesi, ed è arrivato il momento di ringraziarti!

Premessa: Anna Biavati-Smith è una logopedista pediatrica, specializzata in ritardo del linguaggio e mutismo selettivo. Vive in Scozia, Edimburgo, ma questo non ha fermato la nostra collaborazione.

Il nostro team funziona alla grande ormai da 4 anni e molto è dovuto proprio alla grande apertura mentale di questa donna, che ha capito fin da subito di cosa aveva bisogno il suo sito (era statico ed io l’ho reso dinamico) fino  a far scoppiare letteralmente la sua creatività, riscoprendosi una grande divulgatrice sul web.

Perché amo lavorare con lei?

  1. Perché la distanza non ci ha fermate: io da Milano, lei da Edimburgo, lavoriamo tutti i giorni con un grande potente mezzo: Whatsapp! Sìììì siamo cintura nera di messaggi audio, mai troppo lunghi, mai inutili, sempre pratici ed efficaci. Li intitoliamo, li evidenziamo, li traduciamo con la app Transcriber, uuh quante ne sappiamo! E qualche volta ci lasciamo andare anche al gossip o agli affaracci nostri. Sì perché nel frattempo abbiamo scoperto un’amicizia sincera, discreta ma sempre presente, e spesso telepatica (ci accorgiamo subito quando qualcosa non va solo dalla voce oramai).
  2. Perché al suo: “Laura, ho un’idea” non scappo con le mani fra i capelli, ma mi dona delle challenge, scoprendo con lei nuove tecnologie, nuove tecniche, e mi sono trasformata da tecnica web designer a content specialist occupandomi di marketing, social marketing e diventando anche sua segretaria guadagnando la sua fiducia. Grazie a lei ho la possibilità di fare le cose che più mi piacciono: creare grafica, inventare strategie social, studiare le tecniche di marketing e metterle in pratica! E gioire insieme a lei quando queste funzionano!
  3. Perché rimango in contatto con una realtà che amo: quella della lingua inglese, che talvolta rientra nelle mie mansioni per scrivere e trascrivere alcune relazioni.
  4. Perché ho imparato tanto del suo lavoro affascinante, appassionandomi a molti aspetti del suo lavoro
  5. Perché sa prenderti sempre con la gentilezza, il sorriso, chiede senza chiedere, insegna senza pretendere di farlo, impariamo e cresciamo insieme ogni giorno: lei impara da me ed io imparo da lei
  6. Perché mi ha insegnato tanto sulla positività nella comunicazione assertiva, che serve molto soprattutto nel social marketing e nell’approccio con i clienti o potenziali tali, e che ho saputo portare anche nei testi che scrivo
  7. Perché non è avara di complimenti, ed ogni mese insieme al conquibus mi dà sempre una scarica di adrenalina e ossitocina che mi fanno stare bene.
  8. Infine, perché è un legame con la città del mio cuore, e mi basta una foto, un piccolo video, un aneddoto, per tenermi viva e legata a quella città

Grazie Anna

ps ho volutamente tralasciato l’aspetto economico perché è per mia fortuna è come dovrebbe essere: corretto, preciso, puntuale, da non dare certo per scontato, ma con una donna così non potevo aspettarmi diversamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: