WordPress: temi personalizzabili, framework o template ad hoc?

WordPress come sapete è il mio preferito. Mi ritengo oramai una piccola specialista nel settore, seppure abbia carenze in termini di programmazione specifica e creazione di plugins. Però, studiando un po’ e all’occorrenza, si trova sempre una soluzione a tutto grazie a plugin, stringhe di codice, query, etc. Inutile dire che le mie due uniche fonti di risorsa sono Codex WordPress (la sezione ufficiale per gli sviluppatori) e la directory di plugin ufficiali.

 

Finora quasi nessuna delle richieste dei clienti sono state inevase, ed è tanto soddisfacente poter dire di aver creato un sistema, nonchè un template ad hoc senza pasticci ma con tutte le conferme e la sicurezza che un sistema come WordPress può dare.

Talvolta il budget del cliente ci porta obbligatoriamente a far ricorso a temi personalizzabili (esplicitati nel preventivo: il cliente è cosciente di ottenere a basso costo un prodotto che esteticamente potrebbe essere del tutto simile ad un altro sito presente in rete), framework (se il budget è più alto ma non sufficientemente da giustificare un template ad hoc 100%) ed infine i template iperpersonalizzati ad hoc, dove tutte le richieste del cliente possono essere evase e soddisfatte.

Per quanto riguarda i temi personalizzabili, mi affido con tranquillità a Themeforest: hanno uno standard di qualità grafica molto alto, template aggiornatissimi e validati, documentazione a prova di bomba e pannelli di gestione che permettono una configurazione e gestione a prova di “utonto”. Ho provato di recente dei temi di Templatemonster, e devo dire che molti temi, oltre a non essere compatibili con le ultime versioni di WordPress (su Themeforest quando ciò avviene li tolgono dallo store), sono difficili da installare (bisogna fare un dump del database per avere una simulazione dei campi da compilare) e non ci sono istruzioni d’uso in merito. Assolutamente Sconsigliabili!

Per quanto riguarda i framework ho usato solo Thematic, che pure è abbastanza semplice da personalizzare, ma lo consiglio solo in caso di template ad hoc particolarmente semplici, altrimenti rischiate di perdere più tempo a capire come personalizzarne il css che ricreandovelo da zero. Altri framework che però non ho mai usato ma di cui ho letto su html.it, sono:

Qualcuno di voi vuole raccontare la sua esperienza in merito? Diteci la vostra!

lauryn

Web designer dal 2002, mi occupo di content marketing per la società WordSteps SLT LTD di Edimburgo e altri clienti. Vivo a Milano, sposata con una figlia e due cagnoline, e una passione per libri e Scozia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: