E’ una cosa che noi web designer cerchiamo sempre di far comprendere a potenziali clienti, che già hanno intuito il valore di una presenza nel mondo di internet (altrimenti non ci avrebbero contattato).

Ma meglio di tutte vale l’esperienza delle persone, pertanto vi voglio citare oggi Dalia Marchesi, che in fase di restyling del suo sito/blog ha spiegato le sue scelte, come si è avvicinata al mondo dei blog e come ha capito che il web poteva diventare, come è poi successo, la risorsa principale di lavoro per la sua professione di interior designer.

Vi lascio al suo articolo, citando un solo passaggio che è di nostro interesse:

A quell’epoca (era il 2011) capitai per puro caso in mezzo all’esplosione del mommyblogging in Italia, mentre le difficoltà di quel momento mi fecero scoprire le nuove opportunità e potenzialità della rete. Iniziai a studiarla, ad interessarmi di web e social media marketing, di blogging (italiano e internazionale), di scrittura e storytelling per il web.

Attraverso un semplice atto (l’apertura di un blog personale), mi si era aperto un portone: una scoperta affascinante!

Sono rimasta quindi, per anni, con la sensazione che il web potesse darmi nuova definizione e nuove opportunità di crescita professionale. Di fatto è ed è stato cosi’: è infatti grazie alla mia presenza in rete che oggi riesco a fare consulenze online eprogetti a distanza, oltre che occuparmi di marketing per aziende del mio settore.

Share Button
Scoprire il valore della tua presenza sul blog
Tags:     

4 pensieri su “Scoprire il valore della tua presenza sul blog

  • 11 settembre 2015 alle 08:46
    Permalink

    Ti ringrazio Laura, per questa citazione.
    Si, e’ vero: capire il valore della tua presenza sul web e’ importante. Aggiunge una marcia in piu’ a tutti i professionisti, non solo alle aziende che offrono prodotti “concreti”.

  • 17 febbraio 2016 alle 12:46
    Permalink

    Dovrebbero capirlo anche le migliaia di aziende in Italia, che di web non vogliono sentirne parlare……perchè??

  • 17 febbraio 2016 alle 14:10
    Permalink

    è vero Fabio, c’è ancora molta ignoranza…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *